HOTEL LETTERARI IN GIRO PER IL MONDO

PER RIMANERE IN TEMA CON LA NOSTRA ATTUALE LOCATION AL “CAFFE’ LETTERARIO” VI PRESENTIAMO UNA SERIE DI HOTEL LETTERARI…BUONA LETTURA!

Partiamo con il Library Hotel a New York, un nome, un programma. Si trova in Madison Avenue e ognuno dei dieci piani dell’albergo onora il sistema di catalogazione bibliotecario ideato da Melvil Dewey nel 1876: abbiamo per esempio il piano dedicato alla letteratura, quello delle lingue, quello delle scienze sociali e anche uno dedicato alla religione.

Le 60 camere, poi, possiedono una raccolta di libri che fanno riferimento al tema del piano.

Se salite al secondo piano troverete anche una sala lettura aperta 24 ore su 24, con centinaia di tomi, mentre al 14esimo piano si trova un Writer’s Den dove sorseggiare un cocktail mentre si legge. E c’è anche un Poetry Garden sul tetto per ammirare il panorama d’estate.

Immagine
Ad Amsterdam le cose sono andate diversamente. L’anno scorso la biblioteca pubblica Andaz è stata letteralmente trasformata in un albergo a cinque stelle. Sito sul Prince’s Canal, può vantare gli interni realizzati dal designer olandese Marcel Wanders, tutti ispirati al mondo di Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Carroll. Con tanto di oggetti e miniature a tema sparsi un po’ ovunque.

Immagine

Ci spostiamo a San Pietroburgo, dove si trova il Sonya Hotel, ubicato proprio sulle sponde del fiume Neva. L’albergo in questione trae ispirazione proprio dal libro Delitto e Castigo do Fedor Dostoevskij.

Pensate che in alcune stanze si trova la stampa della Madonna Sistina di Raffello, citata nel libro, mentre le suite hanno citazioni e frasi famose tratte dal romanzo stampate sui tappeti o sulle porte.

Immagine
A Parigi troviamo il Pavillon des Lettres, un vero e proprio hotel letterario. Ha a disposizione 26 camere, una per ogni lettera dell’alfabeto e che portano il nome di autori diversi, come Baudelaire, Goethe, Ibsen e Yeats.

Il tutto è molto raffinato e senza fronzoli, con tanto di citazioni di questi autori stampate sui muri. Nell’albergo non mancano poi comodità moderne, come l’iPad in stanza. Al piano terra preziosi libri rilegati rivestono le pareti degli spazi comuni.

Immagine

Passiamo ora al Taj Falaknuma Palace a Hyderabad. Un tempo sede dei Nizams, i governanti locali, dopo la Separazione dall’India del 1947, i Nizams sono stati estromessi e il palazzo è lentamente caduto in rovina. Alla fine venne ristrutturato sotto forma di Taj Hotel e dotato di parte della vasta collezione d’arte e di libri dei Nizams. Pensate che ad oggi al suo interno c’è addirittura una replica della biblioteca del Castello di Windsor, con ben 6000 volumi, fra cui tantissime prime edizioni.

Immagine

Terminiamo il nostro viaggio al Browns Hotel a Laugharne. Qui Dylan Thomas si rifugiava per bere. L’albergo in questione descrive se stesso come una sorta di “bar con camere” e mantiene un’atmosfera conviviale identica a quando di qui transitava Dylan Thomas per gustare un drink. Qui troverete 14 stanze, tutte ristrutturate di recente, ma che hanno saputo mantenere alcune caratteristiche dell’epoca, come gli arredi in stile retrò.

Immagine

NEW YORK: GITA “FUORI PORTA” A LITTLE SRI LANKA

Per tutto il mese di marzo, NYC & Company promuove il quartiere di Tompkinsville a Staten Island

NYC & Company, l’ente del turismo di New York City, annuncia che Tompkinsville, nel distretto di Staten Island, è il focus di marzo di Neighborhood x Neighborhood, l’iniziativa promossa dall’ente del turismo volta a far scoprire i quartieri emergenti della città. Per tutto il mese sul sito nycgo.com/neighborhoods saranno disponibili informazioni e consigli sul quartiere, situato nell’area nord-est di Staten Island e conosciuto anche come Little Sri Lanka, per la presenza di una delle più grandi comunità cingalesi degli Stati Uniti, tutt’oggi in continua crescita.

Perfetta meta per una gita fuori porta senza uscire da New York City, Tompkinsville si raggiunge con lo Staten Island Ferry gratuito da Manhattan, da cui ammirare una splendida vista sul porto e sullo skyline, e con la Staten Island Railway, che attraversa tutto il distretto.

Numerosi ristoranti propongono piatti tipici del sud est asiatico, come Lak BojunLakruwana eSanrasa Restaurant, dove gustare specialità come il lampries, a base di riso, carne e verdure al curry,o zuppa di lenticchie con latte di cocco. Per chi preferisce il take away, da provare New Asha, uno dei più popolari di Little Sri Lanka. Da Lanka Grocery, invece, si possono trovare tè, spezie e frutta, così come CD, riviste e souvenir di Staten Island.

L’offerta gastronomica di Tompkinsville include anche ristoranti di cucina americana e spagnola. A pochi isolati dal porto del Ferry, il 120 Bay Cafe propone hamburger, crab cake, fino alle classiche New York Strip Steak. Decorato con oggetti originali dell’Era del Jazz, Gatsby’s on the Bay propone classici della cucina americana rivisitati in chiave moderna e spettacoli di musica jazz dal vivo nei weekend. Da Tapas, invece, viene servito il meglio della cucina spagnola, dalla paella, al ceviche, fino alla sangria. La sera, il ristorante si trasforma in un disco pub dove scatenarsi con la musica del dj.

Il quartiere è sede di istituzioni culturali come il Deep Tanks Studio, una galleria d’arte locale e studio fotografico dove vengono organizzati spettacoli e mostre, lo Staten Island LGBT Community Center, con un inteso programma di appuntamenti culturali, fino a NYC Arts Cypher, che propone eventi multidisciplinari. Per una passeggiata all’aria aperta, Silver Lake Park, invece, offre a visitatori e residenti la possibilità di vivere la bellezza naturale di Staten Island.

Per chi desidera soggiornare a Staten Island, sono disponibili diverse opzioni: il Comfort Inn Staten Island e l’Holiday Inn Express–Staten Island, entrambi con colazione inclusa nel prezzo della camera e accesso ad internet gratuito. Per un’esperienza a 5 stelle, l’Hilton Garden Inn New York/Staten Island offre una piscina interna, una zona lounge realizzata sulla terrazza panoramica e il Lorenzo’s Restaurant, Bar and Cabaret che propone spettacoli con la partecipazione straordinaria di diversi vincitori di Tony Award. Tutti gli alberghi dispongono di un collegamento shuttle gratuito con il terminal del Ferry (è possibile usufruire del servizio prenotando in anticipo).

Neighborhood x Neighborhood (nycgo.com/neighborhoods) è un’iniziativa di NYC & Company lanciata a marzo 2013 con l’obiettivo di incrementare il flusso di visitatori e di supportare le aziende e le comunità locali di quartieri emergenti nei cinque distretti di New York City, in particolare quelli che hanno assistito a un significativo sviluppo alberghiero negli ultimi anni. L’iniziativa è possibile grazie alla collaborazione tra l’ente del turismo, i funzionari del City Council, NYC Small Business Services, i business development district, i leader delle comuni tà locali e gli oltre 2000 membri di NYC & Company. Sponsor ufficiale è Santander Bank.

(Fonte Karisma Travelnet)

Dormire fra i pesci a Pemba

La camera subacquea ha già attirato l’attenzione di molti curiosi “locali”: pesci trombetta, pesci pipistrello, calamari… si avvicinano e fanno il giro attorno alle finestre. Ma…chi sta guardando…chi?

manta

Siamo infatti al largo della costa di Zanzibar, nella nuova suite parzialmente sommersa creata dal Manta Resort, un hotel di lusso situato vicino alla spiaggia sull’isola di Pemba che offre un’isola privata dove gli ospiti possono dormire sotto l’Oceano Indiano.

La Manta Underwater Camera, ancorata 250 metri al largo,  si sviluppa su  tre piani, con un open-space  e zona living galleggianti, un ponte superiore e, sotto la superficie, una camera matrimoniale con finestre che si affacciano sul mondo subacqueo.

Da una scaletta gli ospiti possono immergersi dentro e fuori del mare e nuotare tra esso. L’interno della camera da letto è il punto  affascinante, con grandi finestre intorno al letto che offrono un’ ampia vista sul blu profondo e sulla ricca vita marina dell’arcipelago, evocando immagini da Octopus Garden o da perduta città di Atlantide.

Dal ristorante, allo scivolo, al bar subacqueo, la tendenza alla costruzione di strutture sottomarine è sempre più diffusa. Questa stessa camera è stata creata da uno studio di designer svedesi, già creatori dell’ Utter Inn, di cui abbiamo già parlato in un altro articolo, il primo hotel sottomarino al mondo, che galleggia sulle acque – molto meno clementi – del lago Mälaren in Svezia.

Anche quest’ultima struttura, come le altre, nel tempo attirerà sempre più vita marina, diventando anche un’ospite ideale per i coralli e la fauna che li abita.  Ci si puo’ fare un bel safari subacqueo, magari combinandolo con un bel safari sull’isola o in continente, dalla Tanzania al Maasai Mara.

Fonte: Miles Magazine

Flight Safety videos – Original version

Vi annoiate durante le indicazioni di sicurezza proposte dagli assistenti di volo? Ecco come alcune compagnie aeree hanno cercato di attirare l’attenzione dei propri viaggiatori.

Delta airlines ripropone una versione anni 80.

Virgin versione dance!

Cartoni animati…

 

 

Ryanair Annuncia Miglioramenti Del Servizio Clienti

Ryanair, la compagnia aerea europea a tariffe basse, ha svelato oggi (25 ottobre) un programma di miglioramenti del suo servizio clienti leader di settore che ha visto il traffico della compagnia aerea crescere fino a oltre 80 milioni di passeggeri all’anno, grazie all’imbattibile combinazione Ryanair delle tariffe più basse, di voli puntuali, di una flotta di aeromobili nuovi e della rassicurante garanzia di assenza di sovrattasse carburante.
Dopo un esteso programma di ascolto delle opinioni dei clienti attraverso la sua pagina “TELL MOL” sul sito web Ryanair.com, Ryanair ha confermato l’introduzione dei seguenti miglioramenti del servizio clienti nel corso dei prossimi 6 mesi, entro la fine di marzo 2014.
  1. Il codice di sicurezza “Recaptcha” sarà rimosso dal sito Ryanair.com la prossima settimana (il 1° novembre).
  1. Dal 1° novembre i clienti che prenotano direttamente sul sito Ryanair.com (cioè non tramite agenzie di viaggio o siti di comparazione dei prezzi) avranno 24 ore di tempo, dal momento della loro prenotazione originaria, per correggere eventuali piccoli errori effettuati durante la prenotazione originaria. (ad esempio errori di digitazione, del nome, di rotta).
  1. Dal 1° novembre Ryanair opererà “voli silenziosi” prima delle 8 del mattino e dopo le 9 di sera. Durante questi voli silenziosi nessun annuncio sarà fatto a bordo se non i necessari annunci di sicurezza. Ryanair offuscherà inoltre le luci in cabina durante questi voli silenziosi cosicché chiunque voglia sonnecchiare possa farlo comodamente.
  1. Dal 1° dicembre Ryanair permetterà ai passeggeri di trasportare un secondo piccolo bagaglio a mano (borsetta da donna o sacchetto con acquisti in aeroporto) non più grande di 35 x 20 x 20 cm che permetterà di trasportare una bottiglia di vino o l’equivalente.
  1. Dal 1° dicembre il costo di ri-emissione della carta d’imbarco Ryanair sarà ridotto da €70 a €15 per i clienti che hanno gia’ effettuato il check-in online. I clienti che omettono di effettuare il check-in online continueranno a pagare la tassa di €70 per il check-in in aeroporto.
  1. Dal 5 gennaio le tariffe Ryanair per il bagaglio acquistato in aeroporto saranno ridotte da €60 a €30 al desk di consegna del bagaglio e da €60 a €50 al gate d’imbarco, portandole in linea con le tariffe standard per il bagaglio applicate da compagnie aeree concorrenti.
Michael O’Leary di Ryanair ha dichiarato:
“Siamo davvero entusiasti di questi sensazionali miglioramenti a quello che è già il servizio clienti N.1 in Europa per una compagnia aerea.  Poiché stiamo rendendo effettivi i nostri piani di crescita da 80 milioni a oltre 110 milioni di passeggeri all’anno nei prossimi 5 anni, stiamo ascoltando e rispondendo attivamente ai nostri clienti cosicché possano continuare ad aspettarsi tariffe basse e voli in orario ma godere anche di un più semplice accesso al sito web, un periodo di grazia di 24 ore, un secondo piccolo bagaglio a mano, costi ridotti per il bagaglio da stiva e voli silenziosi. Ci auguriamo che i nostri passeggeri apprezzeranno questi miglioramenti nel servizio mentre già godono delle tariffe basse di Ryanair e di voli puntuali.”
Il Direttore del Servizio Clienti Ryanair, Caroline Green, ha commentato:
 
Questi sono i primi di una serie di miglioramenti del servizio clienti su cui Ryanair sta lavorando per rendere il nostro servizio a tariffe basse più semplice nell’accesso e ancora più piacevole per i nostri milioni di clienti. Poiché alcuni di questi cambiamenti nella policy richiederanno cambiamenti nel sito web e l’aggiornamento dello staff operativo, li lanceremo nel corso dei prossimi mesi poiché ci stiamo impegnando a migliorare ulteriormente il nostro servizio clienti N.1 in Europa per una compagnia aerea. Se i passeggeri hanno altri suggerimenti o osservazioni da sottoporci, li preghiamo di usare il nostro servizio di opinione del cliente ‘TELL MOL’ sul sito web Ryanair.com.”

 

Ma cos’hai ?! “Nón lá”…in testa!!!

Il Vietnam senza il suo cappello a cono (chiamato nón lá) è come la City londinese senza bombetta, il messico senza sombrero, i paesi baschi senza basco! non la

È un simbolo quasi patriottico: il copricapo nazionale di una terra di riso e acqua. Un capolavoro semplice, efficiente, leggero ed elegante.
Semplice perché composto da poche foglie secche di palma latania (Latania lontaroides) unite tra loro su un cerchio di base. Efficiente perché protegge dal sole e dalla pioggia (è impermeabile). Ciò spiega il suo successo in tutte le risaie del paese! Leggero perché naturale. Elegante, e aggiungiamo poetico, perché talvolta porta alcuni versi disegnati in filigrana. Attraverso i secoli, il “nón lá”, è rimasto un oggetto della quotidianità delle donne vietnamite.

Il nón lá è rappresentato spesso su oggetti molto antichi come i tamburi di bronzo Ngoc Lu e i vasi di bronzo di Dao Thinh, datati da 2.500 a 3.000 anni fa.
Con il passare del tempo, non vi sono stati molti cambiamenti nello stile e nei materiali. Originariamente, il nón lá era tessuto e intrecciato. Solo nel 3° secolo a.C. quando si cominciò ad utilizzare il ferro, che si iniziò ad utilizzare gli aghi per cucire le foglie del nón lá.
I materiali per la produzione sono tra i più semplici, il principale dei quali è dato dalle foglie e dalle fibre della palma Moc (questultimo è ora sostituito dal filo di nylon). Il telaio è di bambù. Inizialmente, gli artigiani devono trattare le foglie mettendole di piatto su una piastra di ferro caldo pressandole ad una temperatura specifica, facendo in modo da non bruciarle. Un riscaldamento insufficiente, non permetterà però di raggiungere l’adeguata forma piatta alle foglie.
Le foglie sono poi affumicate con lo zolfo sfumando così al bianco e diventando resistenti alla muffa. I bambù sono tagliati in senso longitudinale e vengono utilizzati per costruire i telai. Vengono poi affumicati per resistere alle termiti e ad altri insetti nocivi per il legno.
Vi sono molti villaggi specializzati nella produzione dei cappelli a cono, tra cui Chuông, nel distretto di Thanh Oai 30 km dal centro di Hanoi famosa per i suoi prodotti di qualità.

La struttura del nón lá, è composta da 16 cerchi di bambù. Il loro numero è rimasto invariato per molto tempo. La loro bellezza dipende molto dalla bravura degli artigiani. Esistono molti tipi di nón lá, come il nón thung rông vành (canestro a forma di cappello a cono), il nón ba tâm (cappello a forma piatta con frange). Alle volte uno specchio è situato allinterno del nón lá. Sotto le foglie bianche quasi trasparenti, come in filigrana, si può intravedere una poesia popolare, o limmagine di un tempio. Questo tipo di nón lá è conosciuto come Bài tho.

Il nón lá si abbina perfettamente con la tunica tradizionale chiamata Áo dài. Le vietnamite indossando questo copricapo diventano più morbide, eleganti e sensibili. Viene indossato sia per andare a lavorare nei campi, che al mercato o per partecipare alle feste.
Negli spettacoli, la danza con i cappelli a cono ed il vestito tradizionale Áo dài, esalta la morbidezza, la femminilità e la grazia delle donne vietnamita.
Tutte le vietnamite sentono un forte attaccamento al nón lá emblema della propria cultura.

hanoi

Eccoci di nuovo – Abbiamo cambiato pelle, ma non anima!

Vi invitiamo a conoscere la nostra nuova sede www.caffeletterarioroma.it

Saremo presto online con il nostro nuovo sito http://www.voyagercafferoma.com.

IMG_0598

Voyager Caffè è il punto di incontro per tutti coloro che cercano una location concettuale dove il viaggio si sceglie in base alle passioni legando ad esse quelle destinazioni che meglio di altre, possano regalare l’emozione di ritrovarsi fluttuanti in un sogno reale tra sguardi, profumi, paesaggi sconfinati, inaspettati, desiderati.
Voyager Caffè come travel lounge, è un vero e proprio salotto del viaggiatore, dove ci si può dedicare alla lettura tra un drink o un caffè, scambiarsi esperienze di viaggio, soffermarsi su differenze culturali per riflettere su quanto ancora può esserci da imparare, da vedere oltre a quanto da noi quotidianamente vissuto. Potrete partecipare ad eventi periodici che vi faranno vivere destinazioni vicine e lontane attraverso immagini e parole.
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 426 follower