Darwin: una luna di miele a cinque stelle

Darwin, capoluogo del Territorio del Nord australiano, è caratterizzata da uno stile di vita piacevole e rilassato; posta su una penisola circondata dal mare su tre lati, è il punto di partenza ideale per visitare famosi e meravigliosi parchi nazionali quali Kakadu, Litchfield e Nitmiluk (Katherine Gorge), le Isole Tiwi e la terra aborigena di Arnhem Land.

La popolazione di Darwin si attesta sui 100.000 abitanti ed è composta da ben 50 nazionalità differenti, compresa la popolazione degli aborigeni locali, i Larrakia. La cucina risente logicamente di queste varie influenze etniche. La città di Darwin ha la più alta percentuale di giovani di tutta l’Australia, il che naturalmente le conferisce un’atmosfera particolarmente dinamica e attiva.

Sono ben cinque i motivi per preferirla come meta del proprio viaggio di nozze:

  1. Divertimento. A Darwin l’azione si svolge fuori dal centro – nei mercati, nei parchi, in spiaggia o in barca. Potrete unirvi agli abitanti locali con una cassa di birra e un piatto di deliziosi spiedini di carne durante i Mindil Beach Sunset Markets da maggio a ottobre. In alternativa, osservate gli abitanti locali mentre costruiscono barche con lattine di birra o bibite durante l’annuale Darwin Beer Can Regatta a luglio. Fermatevi a guardare un film presso il Deckchair Cinema da aprile a novembre sotto il cielo stellato, cenando con un picnic e una bibita fresca. Godetevi il clima tropicale di Darwin con una cena sul porto a Cullen Bay Marina o con un’escursione in barca al tramonto.
  2. La Natura. Andate in bicicletta tra le orchidee, le bromelie e le tradizionali piante aborigene presso i Giardini botanici di George Brown (George Brown Botanic Gardens). Fate una rinfrescante nuotata, organizzate un barbecue al tramonto ed esplorate i siti sacri aborigeni presso la Casuarina Coastal Reserve. Presso il Berry Springs Nature Park, avvistate gli uccelli nella foresta monsonica e pescate nelle acque critalline delle piscine naturali. Ammirate da vicino pesci, uccelli predatori, animali notturni e rettili nel Territory Wildlife Park, a 45 minuti d’auto da Darwin. Fate un incontro ravvicinato con un coccodrillo a Crocodylus Park, alla Darwin Crocodile Farm o durante un’escursione in barca lungo le coste e i fiumi di Darwin.
  3. La storia. Familiarizzate con la ricca storia aborigena di Darwin presso il Museum and Art Gallery Northern Territory. Qui potrete anche rivivere la tragedia del Ciclone Tracy che colpì Darwin la Vigilia di Natale del 1974. Ammirate il Tempio Cinese a Litchfield Street, che fu quasi distrutto dal ciclone. Durante la Seconda guerra mondiale, Darwin fu bombardata da 64 raid aerei giapponesi; potrete rivivere i bombardamenti guardando i drammatici filmati del tempo o visitare, presso l’East Point Military Museum, il bunker dove fu programmata la strategia per la difesa di Top End. Ammirate i bombardieri originali B52 presso l’Aviation Heritage Centre e una rete di sentieri che portano ai tunnel per il rifornimento di carburante risalenti alla Seconda guerra mondiale attorno al Wharf Precinct. Potrete ammirare presso il Myilly Point Historical Precinct alcuni dei cottage sopravvissuti, disegnati dall’architetto B.C.G. Burnett nello stile coloniale popolare prima della Seconda guerra mondiale.
  4. Le cascate. Cercate di ritagliare il tempo per una gita di un giorno per visitare le cascate e le piscine naturali, immergervi nella natura e ammirare gli uccelli, le catene montuose e le foreste pluviali del Litchfield National Park, a un’ora e mezza d’auto da Darwin. Nuotate nell’acqua cristallina della piscina naturale alla base delle Florence Falls e camminate nel bush attraverso la foresta monsonica fino a Walker Creek. Fate un picnic accanto ai pipistrelli della frutta che si riposano presso le Wangi Falls e ammirate i paesaggi mozzafiato che si aprono sulla valle a Tolmer Falls. Fate un’escursione in barca sul fiume Reynolds, parte di un ranch ancora operativo. Visitate questo paesaggio selvaggio assieme a una guida della popolazione Wagait, tradizionali custodi aborigeni di questa terra, o tornate indietro nel tempo per esplorare la storia della pastorizia tra le rovine di Blyth Homestead.
  5. Le isole Tiwi. Partecipate all’emozione della Tiwi Islands Grand Football Final, che si tiene ogni marzo a Nguiu. Ammirate o acquistate le opere d’arte delle Tiwi, famose per il loro caratteristico design, gli elementi decorativi e i colori brillanti. Provate il tè alla craspedia e assaggiate il tipico damper mentre le donne Tiwi vi mostrano le tradizionali tecniche di tessitura e pittura. Ammirate le loro danze e la cerimonia del fumo per esorcizzare gli spiriti maligni. Pescate i barramundi durante una battuta di pesca sulla costa delle Tiwi. Vi aspettano una calda accoglienza, il lussureggiante panorama della foresta pluviale, spiagge e piscine naturali sulle isole Melville e Bathurst, conosciute assieme con il nome di Isole Tiwi. Esploratele durante un tour di mattina o sera, raggiungendole in 20 minuti d’aereo o in due ore di traghetto da Darwin.

Il viaggio ideale è colorato!

La sposa d’autunno

State pensando di sdraiarvi su una di quelle splendide e chilometriche spiagge di sabbia bianca e godervi il sole con in mano un fresco cocktail di frutta? Perfetto! Anche la sposa d’autunno può godersi tutto questo.

La Polinesia Francese è sicuramente la vostra meta ideale!

Un arcipelago di 118 isole uniche nel loro genere, circondate da atolli quasi incontaminati, spiagge bianchissime, barriere coralline e acque cristalline! Persino il pittore impressionista Paul Gauguin soggiornò qui negli anni più produttivi della sua carriera!
Ma non è solo la bellezza dei luoghi il motivo di un viaggio in Polinesia Francese: anche l’ospitalità e la cordialità degli abitanti dell’arcipelago renderanno la permanenza in questo paradiso terrestre davvero indimenticabile!

Potrete dedicarvi alle immersioni e allo snorkeling, oppure rilassarvi tutto il giorno sulla spiaggia tra sole, palme, danze tipiche e pesci colorati.

Adorerete passeggiare sulla spiaggia anche di sera o al tramonto, ascoltando il frangersi delle onde sul bordo della laguna o solcando le acque a bordo di un catamarano. Se lo desiderate, al mattino la colazione vi arriverà su una canoa circondata da collane di fiori.

Oppure quale migliore modo di visitare la Polinesia Francese se non su di un catamarano a vela?
Trasportati dal vento per poter godere appieno della bellezza di queste isole: una vacanza in Polinesia Francese all’insegna del mare (e che mare!) e del relax più totale.

Ovviamente, potreste anche decidere di sposarvi lì!

Il viaggio ideale è colorato!

Quando partire per il viaggio di nozze?

Partire dopo il ricevimento di nozze è senz’altro romantico ma forse poco pratico, in quanto gli sposi devono essere super organizzati da tempo. Partire per il viaggio di nozze la sera stessa del matrimonio si addice alle cerimonie celebrate di giorno e con pochi invitati.

Partire per il viaggio di nozze il giorno successivo al matrimonio è un classico che permette agli sposi di godersi la festa con amici e parenti fino all’ultimo, la prima notte di nozze e poi fuggire verso destinazioni meravigliose. In ambedue i casi, tutto deve essere pronto almeno il giorno prima, valige, biglietti e documenti necessari per le settimane successive alle nozze.

Ma la partenza che sta diventando sempre più frequente per i viaggi di nozze è quella legata al periodo di ferie estive, di sicuro meno romantica di una partenza la sera stessa del ricevimento ma con indubbi vantaggi. Gli sposi che non hanno la possibilità di usufruire del congedo matrimoniale possono stare più tranquilli e godersi godersi il viaggio di nozze durante le ferie e avere anche l’opportunità di visitare una meta per la luna di miele che nel periodo del matrimonio era sconsigliata per il brutto tempo.

Uno dei fattori fondamentali, infatti, da considerare per la buona riuscita del proprio viaggio di nozze è il clima:  a seconda del periodo in cui si sceglie di partire, non tutte le mete sono consigliabili, perché si rischia di trovare condizioni atmosferiche che potrebbero rovinare il soggiorno.

Diamo un’occhiata, quindi, ai luoghi ideali in cui pianificare il viaggio di nozze, a seconda dei diversi mesi dell’anno.

GENNAIO:

Costa Rica – Brasile – Hawaii – Hong Kong – Isole Caraibiche – Singapore Kenya.

FEBBRAIO:

Costa Rica – Hawaii – Hong Kong – Isole Caraibiche – Singapore – Kenya.

MARZO:

Costa Rica – Hawaii – Hong Kong – Isole Caraibiche – Singapore – Kenya.

APRILE:

Australia – Egitto ( Mar Rosso) – Hawaii – Hong Kong.

MAGGIO:

Australia – Egitto ( Mar Rosso) – Fiji – Hawaii – Hong Kong – Mauritius – Seychelles – Sud’ Africa – Stati Uniti.

GIUGNO:

Australia – Bali – Comore – Egitto ( Mar Rosso) – Europa del nord – Scandinavia – Fiji – Hawaii – Isole del mediterraneo – Italia (mare) – Mauritius – Spagna – Usa.

LUGLIO:

Bali – Comore – Egitto ( Mar Rosso) – Europa del nord – Scandinavia – Fiji – Hawaii – Isole del mediterraneo – Italia (mare) – Spagna – Usa – Kenia.

AGOSTO:

Bali – Comore – Scandinavia – Fiji – Hawaii – Isole del mediterraneo – Italia (mare) – Spagna – Usa.

SETTEMBRE:

Australia – Bali – Comore – Egitto ( Mar Rosso) – Europa del nord – Scandinavia – Fiji – Hawaii – Isole del mediterraneo – Italia (mare) – Mauritius – Seychelles – Spagna – Usa.

OTTOBRE:

Australia – Brasile – Comore – Egitto ( Mar Rosso) – Fiji – Hawaii – Hong kong – Egitto ( Mar Rosso) – Mauritius – Seychelles – Usa.

NOVEMBRE:

Australia – Brasile – Egitto ( Mar Rosso) – Fiji – Hawaii – Hong kong – Malaysia occ. – Seychelles – Mauritius – Sudafrica.

DICEMBRE:

Australia – Brasile – isole caraibiche – Kenya – Seychelles – Sudafrica – Thailandia.

Il viaggio ideale è colorato!

Tanti buoni motivi per restare a letto!

Luna di miele, passione selvaggia, romanticismo, qualsiasi sia il motivo per cui volete prolungare la vostra permanenza a letto, fatelo in una di queste camere … a cielo aperto!

1. St. Regis Princeville Kauai, Hawaii

Suite Bali Hai, prende il nome dalla cima della leggendaria montagna visibile dall’hotel e resa celebre dal film South Pacific.Sarete accolti con champagne, tartufi e cioccolato artigianale. Vi immergerete in ampie vasche idromassaggio circondati da finestre con vetri che cambiano dall’opaco al traslucido grazie a un interruttore: il bagno potrà essere così discreto o audace.  Un maggiordomo privato sarà al vostro servizio, ma capirà se si opta per “Non disturbare” per l’intero soggiorno!

2. Amangiri, Canyon Point, Utah

Amangiri (montagne tranquille) si trova su 600 acri a Canyon Point, nel sud dello Utah, vicino al confine con l’Arizona. Il resort è nascosto in una valle protetta con una stupenda vista verso il Grand Staircase – Escalante National Monument. Costruito intorno a una piscina centrale con una vista spettacolare, le camere offrono anche spazi esterni per dormire a cielo aperto.

3. Leopard Hills, Sabi Sands Private Game Reserve, Sudafrica

All’inizio era un rifugio per scappare dagli animali selvaggi, ora è un resort costruito attorno a un albero di 500 anni con una vista esclusiva sulla savana. Il personale lascia una poesia africana in camera quando è il momento di ritirarsi, in modo da avere un dolce inizio a ciò che di sicuro sarà una notte … selvaggia!

4. Blanket Bay, Glenorchy, Nuova Zelanda

Vi addormenterete guardando gli sfondi della trilogia de Il Signore degli Anelli. Il rifugio prende il nome dalle coperte di lane utilizzate nel 1800 dai pionieri. Docce a vapore, e camini in pietra in ogni stanza.

5. Loi Suites, Hotel Iguazú, Puerto Iguazú, Argentina

Proprio fuori dalla vostra finestra vedrete tucani, picchi, e colibrì svolazzare tra palme e alberi di palissandro, fiorire orchidee e papaia, e maturare mango. Le camere in bambù, cuoio, legno e mobili indonesiani, danno tutte sulla foresta.

6. Las Ventanas al Paraíso , a Los Cabos, Messico

Il luogo ideale per una fuga romantica, a vostra disposizione potrete: prendete un cavallo in carrozza attraverso il deserto di Los Cabos all’alba o al tramonto, ricevere un messaggio romantico in una bottiglia consegnata alla spiaggia mentre cenate sulla sabbia con un falò, regalare una serenata con un Trio messicano, guardare le stelle con un telescopio dalla vostra stanza.

7. Blue Mountains Safari Private, Australia

Il nostro campo rigorosamente privato e’ stato creato in modo da esporre gli ospiti alla vista, ai rumori, alla vita dei cespugli, possano essere i kookaburra al mattino oi canguri che vengono ad abbeverarsi al fiume alla sera.Sistemati in uno swag australiano (un sacco a pelo con materassino) – ma in una versione deluxe sopraelevata con un bel materasso spesso, lenzuola 100% cotone, piumino per le notti più fredde ed un’ampia scelta di cuscini – dormirete sotto le stelle circondati solo dagli alberi di eucalipto, ascolterete i rumori della Natura, al mattino sentirete cantare i kookaburra o alla sera vedrete passare i canguri che vengono ad abbeverarsi al fiume.

8. L’Albereta, Erbusco (BS), Italia

In un resort a 5 stelle immerso nelle colline della Franciacorta, a Erbusco (Brescia) a pochi minuti dal Lago d’Iseo, nella Suite Cabriolet de L’Albereta semplicemente premendo un pulsante è possibile far scorrere il tetto su rotaie invisibile e lasciare che il cielo entri nella stanza.

9. La Loisaba Wilderness Lodge, Kenya

Sfruttando le bellezze naturali del posto e il cielo terso 300 giorni all’anno il popolo Maasai Laikipiak ha creato gli “Star Beds” – letti delle stelle – ricavati da un carretto o da una vecchia Land Rover. Sono situati su piattaforme di legno semi-coperte da tettoie in paglia e possono essere spostati interamente nella zona scoperta per provare l’emozione di una meravigliosa notte sotto le stelle africane.

10. Adrère Amellal, Oasi di Siwa, Egitto

Ognuna delle 40 camere è stata costruita a mano con muri di fango e cristalli di sale, un’oasi ai piedi di una montagna bianca considerata sacra dalla popolazione locale. A fare luce oltre che a creare un’atmosfera romantica sono fiaccole, candele in cera d’api e innumerevoli stelle che risplendono ancora di più calate nell’oscurità del deserto. I letti sono fatti di canne di palma, con piumini e lenzuola in cotone egiziano.

11. Killa Bhawan, Jaisalmer, Rajasthan, India

Quasi al confine con il Pakistan, a Jaisalmer nel Deserto del Thar si trova un hotel costruito dentro le mura di un forte che sovrasta la città. Il Killa Bhawan, di proprietà italiana, è decorato da arredi in legno e seta dai colori vivaci. Offre ai propri ospiti la possibilità di dormire sul tetto-terrazza per un’indimenticabile esperienza della leggendaria Città D’Oro, così chiamata per il colore della pietra calcarea con cui venne scolpito il forte.

12. Ol Donyo Wuas, Amboseli, Kenya

La struttura recettiva è piccola e raccolta composta da 20 suite con “letti delle stelle” sul tetto delle camere: vedere le pendici innevate del Kilimangiaro illuminate dalla luce della Luna comodamente accoccolati tra fresche lenzuola di lino è un’esperienza imperdibile.

13. Lapa Rios, Costa Rica

Alla Lapa Rios Ecolodge la parola d’ordine è ecologia: immersa nel verde del Parco Nazionale del Corcovado, utilizza energia solare per produrre energia elettrica e materiali locali per le sue strutture.

14. Ladera Resort, St. Lucia, Caraibi

Il Ladera Resort offre un’esperienza caraibica ben lontana dall’ordinario: ognuna delle sue 9 ville e 23 suite ha infatti una particolarità, il lato ovest è privo di parete.

15. Kanuhura Resort, Maldive

Sotto solo mare, sopra solo cielo e a pochi metri una lingua di sabbia bianca e finissima. Accessibile solo tramite idrovolante, 35 minuti da Malé, l’hotel è un’oasi di pace e relax.

16. Six Senses Hideaway Samui, Thailandia

Questo resort usa reti da pesca come decorazione, anche sopra i letto a baldacchino, le camere sono con vista a 180 gradi sul mare.

Il viaggio ideale è colorato! 

Luna rossa, blu…o Party?

La Luna da sempre ci affascina. Qualche tempo fa però alcuni turisti hanno scoperto che la Luna più bella si vede a Koh Phangan, un’isola della Thailandia.

Organizzano una festa sulla spiaggia di HaadRin con musica e falò: nasce così il Full Moon Party!

Da allora, circa 20 anni fa, persone provenienti da ogni parte del mondo continuano ad unirsi alla festa… oggi si contano circa 45.000 persone ogni mese!

Appena arriva il tramonto, mentre la Luna fa capolino, vengono allineati sulla spiaggia di sabbia bianca i tavolini, migliaia di lampade e falò si accendono…

Quando avanza la sera la spiaggia esplode in una danza frenetica. Nessuno resta deluso: techno, trance, drum and bass, reggae, dance commerciale, c’è musica per tutti!

Giocolieri e mangiatori di fuoco intrattengono la folla fino a notte fonda mentre il cielo si colora di fuochi d’artificio.

Il giorno dopo l’evento la HaadRin… è di un candore unico, nessuna traccia del passaggio della festa, se non per qualche “ritardatario” che è rimasto ad ammirare l’alba.

State guardando il calendario? Il prossimo appuntamento è il 13 agosto!

Il viaggio ideale è colorato!

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 507 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: