Cinque isole e un cuore

Esiste! L’isola per il vostro viaggio di nozze… tutta cuore! Anzi ne esistono almeno altre quattro!

Galešnjak, nota ormai come l’Isola dell’Amore o l’Isola degli Amanti, è l’isola a forma di cuore segnalata già nel XIX secolo da Charles-François Beautemps-Beaupré, niente meno che il cartografo di Napoleone. Essa si trova precisamente fra l’isola di Pašman e la città di Turanj, Croazia, ed ha una superficie di poco più di 130 mila metri quadri. La fascia costiera è lunga un chilometro e mezzo.

In Australia troviamo invece Makepeace Island. All’inizio era solo la destinazione di vacanze private dei due miliardari, ma dallo scorso luglio la località può essere affittata anche da turisti, come minimo facoltosi. Può ospitare fino a 22 persone ed è dotata di piscina, spa, cinema all’aperto e campo da tennis.

Alle Fiji si trova Tavarua Island: 120 mila metri quadri di superficie circondata da una splendida barriera corallina, ed è un’isola-resort.

In Giappone l’isola “cuoriforme” è Kuroshima, mentre nella Polinesia francese è Moorea.

Il viaggio ideale è colorato! 

London pod!

Soggiornare in pieno centro a Londra e riposare beatamente, isolati dalla confusione di Piccadilly Circus? Nel 2014 si potrà grazie agli I Pod Hotel: 600 microstanze, prive di finestre e l’una identica all’altra, con un piccolo bagno incorporato che guarderanno su un cortile interno.

L’idea, dello studio inglese degli architetti di Dexter Morendal, si ispira appunto ad Ipod e smart car, dove tutto è piccolo, pratico, hi- tech e soprattutto vantaggioso in termini di spazio.

Gli I Pod hotel, meglio conosciuti come albergo- loculo, hanno debuttato in realtà in Giappone negli anni ottanta. Gli ospiti di queste strutture così particolari si stipavano al loro interno in piccoli spazi orizzontali come api in un alveare con spazio solo per il letto ed il televisore.

In effetti a Londra ci sono già due alberghi di questo genere, a Heathrow e Gatwick,  per un totale di 78 cabine da affittare ad ore a qualsiasi momento del giorno e della notte. Quelle che si trovano nei due aeroporti londinesi sono capsule ben più lussuose di quelle che si trovano ormai in tutto il Giappone dato che sono fornite oltre che di un letto anche di un tavolinetto estraibile e di un bagno compatto. Nate per soddisfare le esigenze di una clientela in transito, sono quindi ben diverse sia da quelle giapponesi che da quelle a Times Square pensate entrambe per soddisfare una clientela di viaggiatori hip , persone che dopo la prima esperienza decidono di tornare.

Ecco quindi la Londra low cost e innovativa, davvero per tutti, abbordabile nel cuore pulsante della città per non più di 35 Euro a notte!

Il viaggio ideale è colorato! 

Cultura di ghiaccio

A Zwolle, in Olanda, si svolge fino al 29 gennaio il Festival Internazionale delle sculture di ghiaccio e neve, dedicato al leggendario mondo della navigazione, comprendente  anche gli eroi patriottici come Piet Hein e Michiel de Ruyter. Ovviamente i visitatori avranno modo di confrontarsi anche con il meraviglioso mondo animale che abita il mare.

Tutti i giorni dalle 10 alle 18 nella piazza Rodetorenplein una tenda termica di 2mila metri quadrati ospita le  statue, realizzate da un team di 40 artisti del ghiaccio internazionali e Olandesi con l’aiuto di 250.000 kg di ghiaccio e 250.000 kg di neve.

L’interazione e il coinvolgimento dei bambini sono considerati elementi fondamentali dagli organizzatori della mostra, infatti sono in programma diverse attività, esperienze, workshops e dimostrazioni.

Gli artisti, che ormai partecipano a festival e gare di questo tipo in paesi quali Canada, Cina, Giappone e Stati Uniti, provengono non solo dall’Olanda ma anche da paesi di tutto il mondo come Irlanda, Ungheria, Canada, Russia, Repubblica Ceca, Inghilterra, Svizzera  e Finlandia.

Il festival delle sculture di ghiaccio di Zwolle sarà aperto tutti i giorni fino a domenica 29 gennaio 2012 dalle 10 alle 18.

www.ijsbeelden.org

Il viaggio ideale è colorato! 

Vola gratis in Giappone!

Il Giappone ha dovuto superare numerose difficoltà negli ultimi anni: lo tsunami e l’incidente nucleare di Fukushima hanno fatto diminuire sensibilmente il numero dei turisti che hanno visitato il Paese del Sol Levante, una situazione che rischia di mettere in pericolo l’economia e lo stato delle infrastrutture alberghiere del Paese, sempre più deserte e a rischio chiusura.

Per risollevare la situazione del Giappone, l’ufficio nazionale del turismo ha in previsione di lanciare un concorso che regalerà 10.000 biglietti aerei gratuiti!

L’iniziativa verrà resa disponibile a partire dal prossimo anno, probabilmente nel mese di aprile e i viaggiatori potranno visitare gratuitamente il Giappone pagando solo, di propria tasca, le spese dell’hotel, i pasti e gli extra.

L’unico obbligo, spiega l’ufficio del turismo, è raccontare il viaggio intrapreso, un diario di viaggio che sarà poi messo on line e pubblicato sul sito web, un modo per rendere nota l’esperienza di chi ha visitato il Paese e spingere nuovi turisti a visitare il Giappone.

Ricordiamo che questo possibile progetto è ancora da definire. Una volta approvato, il progetto partirà e i dettagli saranno disponibili sul sito Japan Tourism Agency .

Il viaggio ideale è colorato!

Puoi leggere anche:

Il miglior modo per onorare il Giappone

Protagonisti di una fiaba!

Principi, principesse, torri, giardini, troni, saloni… i castelli più belli del mondo, set di numerosi film, per vivere una vacanza e/o un matrimonio da protagonisti di una fiaba!

Neuschwanstein, il castello della Bella Addormentata. Fu fatto costruire a Schwangau, in Algovia nella seconda metà dell’Ottocento da Ludovico II di Baviera. Il Castello di Neuschwanstein (Nuova pietra del cigno) fu ispirato al monarca dalle opere romantiche di Richard Wagner. I locali sarebbero dovuti rimanere celati agli occhi dell’umanità anche dopo la morte del monarca, ma sette settimane dopo la morte misteriosa del re Ludovico II, nel 1886, Neuschwanstein venne aperto al pubblico. Così bello e romantico che persino Walt Disney se ne innamorò e decise di usarlo come modello per il castello della sua Bella Addormentata.

Himeji, il set del Giappone. Il castello di Himeji, una piccola cittadina sulla costa tra Kyoto e Hiroshima, soprannominato per il suo aspetto Shirasagi-jo ovvero “airone bianco”, è stato spesso set di bellissimi film, ricordiamo Agente 007 – Si vive solo due volte, con Sean Connery - dove il castello è la scuola segreta di addestramento dei ninja e il centro di sviluppo delle armi di Tiger Tanaka, un alleato di James Bond – e L’ultimo samurai, con Tom Cruise, in cui il castello venne imbiancato da neve artificiale.

 

 

Eilean Donan, il Castello Immortale. Sorge su una piccola isola nel lago Duich, in Scozia. E’ uno dei simboli della Scozia, fu usato come location nel film Highlander – l’ultimo immortale.

 

 

Leeds Castle, il Castello del mistero. Costruito dai Normanni nel XII secolo, sorge su due isolotti in un laghetto artificiale nel Kent, ha ospitato re e regine, ha un ponte levatoio e un giardino con tanto di labirinto. Attualmente ospita tornei medievali, matrimoni, partite di golf e corsi di falconeria. Fu spesso visitato da Charlie Chaplin. Per i suoi labirinti e il suo aspetto misterioso è stato set di Sangue blu (1949) e di episodi di serie televisive come Magnum P.I. e Doctor Who.

 

Bran, il falso Castello di Dracula. Il maniero presso il villaggio rumeno di Bran, sul confine tra Transilvania e Valacchia, è stato usato da Stoker per descrivere la dimora del primo vampiro, ma non è mai stata la casa di Vlad principe di Valacchia, sulla cui figura venne cucita l’identità di Dracula. Purtroppo il vero castello del nobile sanguinario di Poenari è oramai in rovina, ma Bran non deluderà le vostre aspettative

 

Hrad Pernštejn, una fiaba tutta italiana. Il castello di Pernštejn sorge su una collina nella Moravia del sud. Il castello voluto dal signore del luogo nel XIII è uno dei meglio conservati della Repubblica Ceca e sembra uscito fresco fresco da un manuale del perfetto castello medievale. Costruito, infatti, in un luogo perfettamente riparato è protetto su tre lati da un pendio ripido di roccia e l’accesso è consentito solo da nord da un crinale facilmente controllabile e difendibile. In esso fu girata la saga italiana di Fantaghirò.

Il viaggio ideale è colorato!

Quanti modi DOLCI di viaggiare!

Il viaggio è fatto di sensi, e se il palato è soddisfatto, il viaggio sarà ancor più indimenticabile…

Macaron da Laduree, Parigi.  Il famoso pasticcino adorato da Maria Antonietta si può così gustare in quella che più che una pasticceria può essere definita una bomboniera. Chi proprio non riuscisse ad andare a Parigi, può consolarsi a Milano, nel negozio Laduree di via Spadari, dietro al Duomo.

Cioccolato, Torino resta la capitale indiscussa. Cioccolato gianduia, nero, torte e praline e poi il classico bicerin, nato dall’incontro di cioccolato e caffè. Ricordiamo che dal 2 all’11 marzo 2011 ha luogo CioccalaTO.

Cannoli, Palermo. A Palermo il cannolo è una tradizione radicata e, in visita a familiari eparenti, non può mancare un vassoietto di cannoli, rigorosamente riempiti al momento perché la pasta intorno resti croccante. Nel periodo estivo poi  granite con panna e brioche con il gelato dominano i pomeriggi siciliani.

Pastiera, Napoli. Si sprecano i consigli di nonne e zie di ogni generazione sulla migliore ricetta per la pastiera. Perchè rifare a casa la pastiera, soprattutto nel periodo pasquale, è un segreto di famiglia che si tramanda da sempre. Quella è la pastiera migliore, chiedetelo ai napoletani doc.

Wagashi, Giappone:  l’arrivo di una nuova stagione viene festeggiato in ogni modo possibile: feste, cibo ma soprattutto dolci.

Tutti i dolci di Damasco. La pasticceria araba c’è chi la ama, chi la trova troppo stucchevole o appiccicosa. L’uso di miele, cocco e frutta secca è una combinazione che bisogna amare, non c’è dubbio.

Cupcake, San Francisco. Gioiellini di pasticceria decorati con cioccolata e panna dalle forme perfette.

Pasteis de nata, Lisbona. Piccolo dolce fatto di panna e cannella: il pasteis de nata, la cui ricetta è gelosamente custodita da generazioni, da quando la pasticceria Pasteis de Belem ha aperto nell’Ottocento.

Il viaggio ideale è colorato! 

Il miglior modo per onorare il Giappone

Se si dice Giappone, si pensa al terremoto, allo tsunami, alla catastrofe nucleare di Fukushima, alla catena di solidarietà mondiale.

Si dimentica però che la gran parte del territorio giapponese è fuori pericolo, lontana dal dramma.

Un modo concreto di aiutare economicamente questo Paese nella sua opera di rinascita è anche visitarlo e tornare a scoprirlo per:

  • le scalate al monte Fuji: la cima più alta e famosa del Giappone, dove ad agosto, nella settimana di Obon scalatori provenienti da ogni parte del mondo si riuniscono per una scalata collettiva;
  • gli onsen: le sorgenti termali che abbondano in tutto, una delle più famose è Kusatsu Onsen, a 150 chilometri da Tokyo;
  • i templi di Kyoto: l’antica capitale del Giappone ospita i templi più belli ed importanti, come il Padiglione Dorato;
  • le geishe di Gion: quartiere storico di Kyoto, è il distretto delle geishe più esclusivo del Giappone ed il miglior luogo per vedere una di queste tradizionali intrattenitrici che hanno dovuto superare cinque anni di difficili allenamenti;
  • il treno proiettile: il famoso shinkansen super-expresses, o ‘treno pallottola’, raggiunge una velocità di oltre 270km/h;
  • la città elettrica: Akihabara, quartiere di Tokio dove è possibile travare alcuni dei più economici articoli di elettronica del mondo;
  • il Museo dei Ninja: vicino a Osaka, il museo consiste in una residenza ninja con pareti scorrevoli, porte con trappole, nascondigli segreti ed una zona dimostrativa con straordinari spettacoli;
  • il cibo: oltre al sushi, si possono degustare i Yakitori (spiedini di pollo alla griglia), Tendon (riso e gamberi fritti), Ramen, Udon e Soba (“Spaghetti” Giapponesi) e Shabu Shabu (manzo e vegetali con zuppa).

Il miglior modo per onorare un Paese è non dimenticarlo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il viaggio ideale è colorato!

Nogoya…dallo shogun al cosplay!

Nogoya, quarta città del Giappone e capoluogo della provincia di Aichi, è famosa in tutto il mondo per il suo castello alto ben 48 metri, bellissimo esempio architettonico dei castelli orientali dell’età moderna. Il mastio infatti è stato costruito durante il Seicento (precisamente si dice tra il 1610 e il 1614).

Si sviluppa su ben sette piani ed è sovrastato da una coppia di shachi-hoko d’oro zecchino, un caratteristico animale della mitologia giapponese con corpo di carpa o delfino e testa di tigre che campeggia su entrambi i lati del tetto, inarcandosi verso il cielo.

La struttura, originariamente in legno, è stata fortemente danneggiata durante i bombardamenti della Seconda guerra mondiale, ma poi restaurato nel 1959.

All’interno del mastio è stato allestito un museo che espone i tesori fortunosamente sfuggiti all’incendio durante la guerra. Il museo ospita 1047 dipinti a soffitto e dei fusuma-e (dipinti su porte scorrevoli), tutti classificati come Beni Culturali d’eccezione. Si sono potuti salvare dal disastro perché facenti parte, in origine, di una delle vicine case del signore locale.

L’ultimo piano è adibito a piattaforma di osservazione, da dove si può ammirare il complesso Oasi 21 su cui svetta, con i suoi 180 metri  la Nagoya TV Tower: completata nel 1954 ed la prima torre televisiva costruita in Giappone.

Proprio nell’Oasi 21 si svolge da nove anni ad agosto il World Cosplay Summit.

Il cosplay è la pratica che consiste nell’indossare un costume creato con le proprie mani che rappresenti un personaggio riconoscibile in un determinato ambito di cui bisogna anche interpretarne il modo di agire. Poiché il fenomeno ha avuto origine in Giappone, il personaggio rappresentato da un cosplayer viene spesso scelto tra quelli individuabili nei manga, negli anime giapponesi, videogiochi, alle band musicali, ecc.

Sono 17 i paesi che partecipano al World Cosplay Summitt 2011:

Australia, Brasile, Cina, Germania, Danimarca, Spagna, Finlandia, Francia, Italia, Giappone, Corea, Messico, Singapore, Thailandia, Stati Uniti, Malesia, Paesi Bassi.

La coppia che rappresenterà l’Italia è composta da Daniela Maiorana e Marika Roncon.

Ricordiamo che l’Italia è stata campione mondiale di cosplay nel 2005 e nel 2010!

Il viaggio ideale è colorato! 

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 507 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: